Benefici

Home / Benefici

I benefici della pratica del FitNordicWalking

Vi sono molti benefici associati alla pratica del nordic walking, quali il miglioramento nell’attività cardio-respiratoria, il benessere del cuore, la postura, la densità ossea, la forza e resistenza muscolare, la mobilità, la stabilità e l’equilibrio. E’ inoltre molto utile come riabilitazione post infortunio e per aumentare la consapevolezza del proprio corpo.

Gli allenamenti possono variare di intensità, passando da una camminata lenta  e calibrata  a ritmi rapidi e intensi da un punto di vista cardiaco, ma tutti portano comunque dei risultati; quali ad esempio benefici a lungo termine per la salute della schiena e la perdita di peso attraverso la pratica del nordic walking ad un ritmo rilassato o consistenti miglioramenti nelle performance atletiche praticandolo ad un ritmo più veloce e sostenuto.

Benefici per la salute

La pratica continuativa del nordic walking, anche a bassa intensità, porta a molti benefici. Di seguito sono elencati alcuni dei benefici per la salute derivanti da questa attività.

  • Forma fisica: il  nordic walking utilizza i bastoncini per mettere in collegamento ogni parte del corpo con la forza di gravità, creando una resistenza e un’attività muscolare complete. Se i bastoncini sono utilizzati nel modo corretto, ridistribuiscono lo sforzo dal core agli arti inferiori e ancora dal core agli arti superiori.
  • Cuore più sano: la camminata nordica è un’attività cardio-respiratoria perfetta per tutti i livelli di forma fisica. I benefici che apporta sono direttamente proporzionali alla quantità di sforzo investita: man mano che la forma fisica migliorerà, si otterranno sempre maggiori benefici.
  • Perdita di peso: questa attività consente di perdere peso in quanto attiva molti muscoli (circa l’80%) e permette quindi di bruciare più calorie.
  • Schiena più sana e postura migliore: migliorare la salute della colonna vertebrale è uno dei principali motivi per cui praticare nordic walking. A prescindere dal livello di conoscenza e abilità, semplicemente afferrando le impugnature dei bastoncini e appoggiando i puntali a terra si attivano alcuni muscoli posturali del busto e del core. Uno dei risultati della resistenza dei puntali è la rotazione del busto e quindi della colonna vertebrale. I movimenti in rotazione creano una leggera resistenza intorno all’asse della colonna, attivando tutti i muscoli del core. Una postura migliore permette di avere una maggiore coordinazione, muscoli della schiena più forti e maggior resistenza.
  • Riduzione dell’impatto sulle articolazioni: grazie ai bastoncini, che distribuiscono lo sforzo in ogni parte del corpo e offrono un’immediata stabilità, il nordic walking crea una minore tensione sulle ginocchia e sulla schiena rispetto ad una normale camminata.
  • Riduzione dello stress: i bastoncini attivano tutte le articolazioni facendo sì che ogni parte del corpo vibri di endorfine. Molte persone che praticano la camminata nordica paragonano questa sensazione alla classica euforia del corridore. Tra i vari benefici correlati all’aumento di endorfine rientrano la riduzione dello stress, una maggiore sopportazione del dolore e una più alta resistenza muscolare. Il nordic walking richiama l’attenzione sul ritmo, sulla frequenza cardiaca, sulla cadenza del respiro o la coordinazione dell’andatura simmetrica. Chi pratica questo sport spesso afferma di perdere la cognizione del tempo, lasciandosi trasportare durante l’allenamento dalla tranquillità del ritmo e del movimento.

Benefici per la forma ed il rendimento sportivo

Il nordic walking presenta numerosi vantaggi  legati alle capacità motorie di base, nonché al rendimento sportivo. L’uso dei bastoncini da nordic walking richiede infatti movimenti coordinati; occorrono equilibrio, stabilità, forza, resistenza e agilità. Rientrano inoltre nei benefici di questa attività la prevenzione degli infortuni, un miglioramento delle reazioni del sistema nervoso per muoversi velocemente in modo preciso e la capacità di apprendere e mettere in pratica in breve tempo le abilità richieste.

  • Resistenza cardio-respiratoria e muscolare: il fulcro dell’allenamento del nordic walking è l’alternanza del lavoro aerobico e anaerobico. Il lavoro aerobico utilizza l’ossigeno già disponibile, il glicogeno e le scorte di grassi per sostenere il movimento ed il ritmo, il più delle volte con una frequenza cardiaca costante e moderata e può essere eseguito per lunghi periodi di tempo. L’allenamento aerobico prepara il corpo al lavoro anaerobico. Il lavoro anaerobico richiede una fonte più veloce di energia e anziché ricorrere alle scorte di grassi utilizza come principale fonte di carburante ciò che è immagazzinato nei muscoli. Questa attività porta la frequenza cardiaca ad un maggiore livello di intensità, solitamente difficile da mantenere più a lungo di alcuni minuti. Dato che la camminata nordica si realizza sulla distanza, è un’attività di resistenza che fa lavorare molti gruppi muscolari utilizzati sia nella corsa sia nello sci di fondo. È un’attività ottima per bruciare grassi e perfetta per il benessere cardiorespiratorio, in quanto può essere svolta a qualsiasi intensità: chi ha intenzione di raggiungere livelli più alti potrà scegliere un allenamento intensivo, mentre chi è interessato semplicemente ad avere un cuore più sano o a praticare uno sport troverà il ritmo adatto ai propri obiettivi. Il lavoro anaerobico innalza l’allenamento aerobico ad un livello successivo e viene considerato un allenamento cardio avanzato. L’attività cardio-respiratoria che si raggiunge aumenta sia la forza che la potenza.
  • Equilibrio: la sfida nel nordic walking è quella di raggiungere un ottimo equilibrio dinamico, in quanto mentre con la parte superiore del corpo si lavora per spostarsi in avanti, si stabilizzano piccoli squilibri, nei piedi, nelle caviglie, nelle gambe e nel bacino. E’ importante tenere presente che stabilità, mobilità ed equilibrio interagiscono sempre a qualsiasi intensità.
  • Coordinazione: la coordinazione consiste in una relazione favorevole tra i movimenti, un flusso armonioso che da un movimento leggero conduce al successivo dando vita ad un andatura efficace. Nella camminata nordica  è necessario che la parte superiore e quella inferiore del corpo si muovano in modo indipendente e allo stesso tempo alternato. Il ritmo e la coordinazione determinano l’andatura, che alla fine può portare a una buna velocità.
  • Forza e potenza: la forza è il prerequisito per un intenso allenamento della potenza e per prevenire gli infortuni; inoltre permette adattamenti positivi che migliorano l’equilibrio, l’agilità e molto altro ancora. Per coordinare movimenti simultanei come quelli del nordic walking è necessario uno sforzo generale di tutto il corpo al fine di sostenere le esigenze di movimenti ripetitivi e di resistenza. Se eseguito in modo sicuro un allenamento bilanciato della forza garantisce equilibrio muscolare e benessere della schiena. Il risultato di un buon programma di allenamento della potenza è il coinvolgimento muscolare con una reazione esplosiva intensa. Prima di iniziare un allenamento di potenza è bene aver rinforzato i muscoli con esercizi specifici di forza atti a consolidare l’integrità di tutta la struttura. Occorre essere forti per resistere a un allenamento ad alto impatto. Sprint, salti, balzi e skip sono esempi di allenamento della potenza per il nordic walking. La potenza è una combinazione tra forza e velocità, perciò gli esercizi per aumentarla devono rifletterne la natura esplosiva.